Un Peppe Tito insolitamente nervoso lancia la prima frecciata all’indirizzo dell’ingegnere Graziano Maresca. Colui che – stando ai rumors – potrebbe essere il suo antagonista alle elezioni comunali della prossima primavera. A rivelarlo sono i resoconti dell’ultima seduta di Consiglio comunale, tenutasi un paio di settimane.

Infatti, nel pieno della discussione relativa alla tardiva approvazione dell’elenco annuale e del piano triennale delle opere pubbliche, il Sindaco Tito ha preso la parola ed ha così sbottato:

Poi verrà eletto qualche amico vostro e farete tutti i parcheggi di questo mondo. Però, le stesse persone che oggi sono in Consiglio comunale, che sono contro i parcheggi, diranno che vanno bene quei parcheggi ed io ci dovrò essere qua! Perché quelle stesse persone che oggi sono contro i parcheggi dovranno venire qua e io dovrò esserci. Può darsi che ci sarò come spettatore e dovremo dire che dobbiamo fare il parcheggio a via del Lauro, il parcheggio di fronte alla Posta, il parcheggio a Santa Lucia. Poi queste persone si metteranno insieme ai pazzi e il WWF, Claudio d’Esposito e tutti quanti e diranno: dobbiamo fare i parcheggi perché Tito non è stato in gradi di realizzarli e voi siete stati tra quelli che avete denunciato la realizzazione. Sarete così coerenti da dire che i parcheggi si potranno fare ed io vengo qua e mi diverto.

Sebbene Tito non nomini mai esplicitamente Maresca il riferimento appare sin troppo chiaro. In quest’ottica la sortita appare a dir poco incomprensibile, anche perché al momento la candidatura di Maresca è poco più di niente. L’ex responsabile dell’Ufficio tecnico di Piano di Sorrento si è infatti limitato a far sapere di essere disposto a valutare la possibilità solo nell’ipotesi in cui la sua possa diventare una soluzione di sintesi tra le varie anime che si contrappongono all’attuale Amministrazione.

Un’ipotesi che al momento più che remota e, comunque, difficilmente realizzabile, tanto che nelle ultime ore lo stesso Maresca appare molto più “raffreddato”.