E’ una vera e propria retromarcia quella innestata dal Sindaco Vincenzo Iaccarino e dai suoi in merito alla vicenda relativa all’approvazione del bilancio di previsione. Nella tarda mattinata di oggi, infatti, il Presidente del Consiglio comunale, Mario Russo, a seguito della diffida presentata dal Consigliere d’opposizione Antonio D’Aniello (leggi qui) ha firmato un avviso con il quale si comunica che…

…il punto n. 7 D. Lgs. n. 118/2011 – Approvazione bilancio di previsione 2019-2021 e relativi allegati – Aggiornamento DUP 2019-2021 iscritto all’ordine del giorno nell’avviso di convocazione del Consiglio comunale del 23.3.1019 prot. com. n. 8079 in pari data, è rinviato; tanto a seguito di approfondimento, di carattere tecnico, condotti.

Quelli che il Presidente Russo ascrive alla categoria degli “approfondimenti di carattere tecnico” sono poi stati meglio precisati dallo stesso Sindaco Vincenzo Iaccarino che, in una dichiarazione rilasciata al sito “amico” Politica in Penisola, ha fatto così sapere:

Si è semplicemente trattato di un errore nel calcolo dei giorni… Comunque prendiamo atto che il suo rilievo ci ha consentito di correggere il disguido e stesso oggi il Presidente ha riconvocato il consiglio per il 10 Aprile. Tutti possono commettere un errore e in questo caso non ci vedo proprio nessuna motivazione diversa da una semplice distrazione.

Effettivamente calcolare i quindici giorni previsti dal regolamento di contabilità a far data dal 25 marzo (giorno in cui il revisore ha depositato la sua relazione) non era poi impresa tanto facile, nemmeno il più sofisticato elaboratore scientifico ci sarebbe riuscito agevolmente.

Non osiamo immaginare come avranno fatto con i tanti numeri del bilancio.