Questa volta la fobia social del Sindaco Vincenzo Iaccarino ha colpito davvero alla grande. L’incommensurabile Iaccarino è riuscito a superare sé stesso, pensando bene di scrivere un vero e proprio necrologio per un illustre cittadino carottese, quale l’ex Priore dell’Arciconfraternita Morte e Orazione Giosuè Perrella, che, per fortuna, è invece vivo e vegeto.

Parole importanti quelle di Iaccarino che sulle prime suscitano lo sgomento da parte di tanti concittadini, molto legati alla figura storica di Perrella. Allo sgomento, però, presto si sostituisce l’ilarità, perché basta una semplice telefonata ed emerge la verità.

Perrella sta benissimo e gode di ottima salute. Iaccarino resosi conto di quello che ha combinato, prova a correre ai ripari e cancella il suo post/necrologio.

Niente da fare, ormai la frittata e fatta.

Come ha potuto però Iaccarino sparare una minchiata simile?

Anche qui ci sarebbe da non crederci.

All’origine della bufala, infatti, c’è un altro esponente politico carottese, il Presidente del Consiglio comunale Mario Russo che nel primo pomeriggio di oggi aveva a sua volta postato il seguente messaggio, con tanto di foto di Perrella

Un post un po’ ambiguo che nelle intenzioni di Russo invece voleva essere un semplice saluto a Perrella. Qualcuno però fraintende. Cominciano così a fioccare i “RIP” e le “condoglianze”.

Ecco che entra in scena come un autentico predatore social proprio Vincenzo Iaccarino, che questa volte non vuole cincischiare. Non vuol farsi battere sul tempo da nessuno. Allora, senza nemmeno premurarsi di verificare l’accaduto, impugna l’inseparabile smartphone, digita il suo necrologio e lo da’ in pasto al suo popolo web.

E’ panico!

Ora la gente inizia davvero a crederci.

Può essere mai una bufala, una fake news?

L’ha ditto ‘o Sinnaco…

…ripetono in tanti.

Invece è proprio una bufala, una fake news. Roba da…

…’na jurnata ‘e scuorno…

…volendolo trattare.

Roba da giocarci anche i numeri, se l’Emergenza Coronavirus non avesse vietato pure le estrazioni del Lotto. Anche in questo caso si dovrà attendere il 4 maggio.

Intanto noi del Clan non possiamo che augurare al Priore Perrella i migliori auguri di una lunga e serena vita, in fondo si sa…

…’o Sinnaco è fatto accussì, è social malamente.

c.d.b.