Dopo le puntate dedicate a Orsola Tramontano e a Giovanni Vescera, il servizio video di questo terzo ed ultimo appuntamento del primo tris di Regina di Quadri è stato girato nell’abitazione di Gelsomina De Maio, pittrice attiva a Piano di Sorrento, nonché docente di Discipline Pittoriche presso il Liceo Artistico e Musicale “Francesco Grandi” di Sorrento.

L’artista ci fa strada lungo il corridoio per condurci nel soggiorno che, in occasione delle riprese, si è trasformato in una piccola pinacoteca.

Ci sono quadri ovunque: sui cavalletti, per terra, sul mobilio, davanti allo specchio.

La  pittura di Gelsomina esula da uno schema  predefinito per nascere da una dimensione personale: la tela è  concepita come uno spazio su cui proiettare pensieri e sensazioni, senza alcun condizionamento premeditato.

Ne deriva un linguaggio segnato  fortemente dall’inconscio dell’artista, in cui confluisce anche una suggestiva componente onirica.

Figuratività ed astrazione dialogano nella razionalità di schematizzazioni geometriche in cui trovano posto fantasiose  immagini, mentre la scelta di colori accesi e di contrasti cromatici forti crea un singolare effetto di vivacità.

Il linguaggio  della pittrice è  segnato da una spiccata capacità inventiva e da una costante  tendenza alla  sperimentazione.

È quanto si evince per esempio nei tagli effettuati in alcune  dipinti. Si tratta di aperture sagomate in base alla figurazione, dei vuoti  poi colmati attraverso un reticolato di fili di spago disposti a trama ed ordito.

Evidente qui  il richiamo alla concezione spaziale di Lucio Fontana: il senso di vuoto spiazza, induce a riflettere sul labile confine tra finzione pittorica e realtà concreta.

Ci soffermiamo in particolare su un dipinto intitolato “Fuga della pittura“, che presenta al centro una grande apertura rettangolare riempita appunto con una griglia di spago.

Due mani dipinte con perizia  accademica si sporgono da questa originale finestra artistica.

Sono le mani della Pittura intenta a fuggire dalla prigione della tradizione per farsi spazio e cercare nuova linfa vitale  nella modernità.

Mentre Gelsomina ci parla di questo quadro, ci divertiamo a scattare delle foto in cui i nostri volti, in posa dietro al reticolato, impersonano la Pittura in fuga.

Un’altra sperimentazione tecnica adoperata dall’artista si muove invece in direzione opposta, aggiungendo materia su materia:  alcuni particolari delle immagini sono infatti realizzati su ritagli di tela, poi sovrapposti al dipinto. Si ottiene così un suggestivo effetto visivo di tipo volumetrico, che vince sui tradizionali limiti bidimensionali propri della disciplina pittorica.

In questo servizio video  l’artista ci ha resi partecipi di questi suoi molteplici e variegati spunti, di tutti quei  richiami e quelle corrispondenze che ne animano l’opera, vestendola di un’affascinante aura onirica e concettuale al tempo stesso.

Mariaelena Castellano