Lo sapete cari lettori, ma noi siamo fatti così: scostumati ed irriverenti.

Anche in questi momenti?

Sì, non avremmo voluto esserlo, ma ci costringono…

…ce le tirano a dint’e mmane.

Li avete visti no?

Certo che sì, come potevate non vederli, magari li avete anche abboffati di like.

In rapida successione: prima il Sindaco di Meta, Giuseppe Tito, che per fare scena si è fatto fotografare, in versione Sceriffo ‘e coppa ‘a Chiesa d’o Lauro, ad un posto di blocco senza alcun ausilio di precauzione, poi quello di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, che si è “selfato” modello Die Hard, con tanto di mascherina, mentre è in servizio all’Ospedale di Sorrento.

Giù una valanga di like, compreso i vostri, sia per l’uno che per l’altro. Entrambi a farsi ciuotti ciuotti di consensi virtuali.

Come se fosse un gioco, come se fosse una campagna elettorale.

Non è però né un gioco, né una campagna elettorale.

Questa è roba seria, questa è un’emergenza. Anzi l’Emergenza. Con l’articolo determinativo e la “E” maiuscola ed in situazioni simili non si ammettono pagliacciate, ma solo cose serie.

Invece no. 

Sia Tito che Iaccarino ci dicono di tutto, ma non quello che i cittadini vorrebbero sapere. Iaccarino arriva persino ad annunciare al suo popolo web che i due tamponi effettuati all’Ospedale di Sorrento erano negativi, praticamente prima che i due malcapitati in isolamento lo venissero a sapere. Così per fare primo, per acchiappare più like degli altri. Ha fottuto sul tempo pure il Sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani che è così arrivato secondo.

Questa volta ha vinto lui, Iaccarino, ma cosa?

Sicuramente una incazzatura da parte nostra e dei tanti che ci hanno scritto in privato.

Noi, e lo diciamo anche a nome dei nostri lettori allergici ai like, vogliamo vedere i fatti concreti.

Vogliamo sapere quanti controlli vengono effettuati in un giorno e quanti vengono sorpresi ad infrangere le regole.

Vogliamo sapere se finalmente coloro che sono destinati a fare questi controlli (ad esempio la Polizia Municipale) sono stati messi in condizione di poterli fare in sicurezza.

Vogliamo sapere se finalmente sono riusciti ad attivare una Protezione civile con i controcacchi.

Soprattutto, però, vogliamo che si diano una regolata, perché per la campagna elettorale ci sarà tempo!

cdb

 

P.S.: Non mettete like e non condividete, perché ci restano male.