Autore: Il Talepiano

Il ricordo di Edo De Vita nelle parole di Gianni Iaccarino “Hai tracciato una strada, tocca a noi percorrerla. Ciao Edo”

Rischioso parlare di Edo. Si corre il rischio, grandissimo, di cadere nella banalità. Nell’insopportabile ” formalismo di facciata”, quel “formalismo di facciata” che ha sempre rifiutato. Fino alla fine. Eppure in quel manifesto funebre, c’è il suo DNA. Il suo testamento morale per la famiglia, gli amici e… quanti (tanti), non conoscendolo, hanno scoperto un uomo con gli ” attributi. Per questo ci piaceva. Una persona con la schiena dritta, fatta da sola, le sue idee, ma aperto al confronto, senza mai venire meno ai sui principi e valori, ai quali non derogava mai, coerente fino a diventare ”...

Leggi tutto...

Facile come bere un bicchiere d’acqua? Non proprio… Istruzioni per un corretto utilizzo delle “casette dell’acqua”

L’affluenza numerosa degli utilizzatori delle casette dell’acqua comporta la necessità di un’informazione adeguata che fornisca raccomandazioni specifiche per il corretto approvvigionamento. Poche e semplici le regole cui attenersi: • utilizzare bottiglie e/o contenitori nuovi da adibire esclusivamente a questo tipo di acqua e, prima di ogni prelievo, verificarne la pulizia; preferire il vetro, altrimenti usare contenitori ove sia riportata la scritta “per alimenti”; usare contenitori con tappo a vite o comunque chiusura ermetica; mantenere l’igiene dei contenitori;  prima del riempimento risciacquare il contenitore e il tappo con la stessa acqua erogata dal Chiosco dell’Acqua;  conservare l’acqua in luoghi freschi...

Leggi tutto...

La tragedia del Primo Maggio? Solo un brutto ricordo, qui si fa ancora così

Sono trascorsi più di dieci anni da quel I maggio del 2007 Da quella tragedia che costò la vita a due donne nella centralissima piazza Sant’Antonino della vicina Sorrento. Dopo la morte ci sono state le inchieste, i processi, le condanna e i risarcimenti. Insomma tutto tranne l’insegnamento. “Esperienza non è che il nome che l’uomo dà ai suoi errori” Amava ripetere Oscar Wild. Evidentemente lo scrittore irlandese non aveva mai avuto a che fare con gli italiani. In effetti dieci anni sono tanti. Sicuramente troppi per una realtà come la nostra abituata ad indignarsi e sbraitare oggi, salvo...

Leggi tutto...