Autore: Mariaelena

Scacco all’Arte / Leon Battista Alberti

              “Architettore chiamerò io colui che saprà con certa e maravigliosa ragione,                                                      e regola, sì  con la mente e con lo animo divisare” (L.B. Alberti)                                      Leon Battista Alberti (1406-1472)  nasce a Genova da famiglia fiorentina esiliata per motivi politici. Artista, letterato, filosofo e poeta incarna alla perfezione la figura...

Leggi tutto...

Scacco all’Arte / La pittura a Firenze dopo Masaccio e la diffusione dei modi rinascimentali nel secondo Quattrocento

L’affermazione del linguaggio elaborato a Firenze nei primi decenni del Quattrocento da Brunelleschi, Donatello e Masaccio non avviene in modo omogeneo. Il passaggio dallo stile gotico all’arte del Rinascimento non è rapido, come attesta la presenza a Firenze nel 1423 di Gentile da Fabriano, noto esponente  del filone gotico cortese. Le opere dei tre grandi iniziatori del Rinascimento costituiscono eventi inizialmente alquanto isolati, senza corrispettivi nelle altre regioni italiane; nella stessa Firenze si mettono a punto compromessi che mitigano le nuove istanze, ma in pittura emergono anche  originali  interpretazioni degli spunti offerti dalla grandiosa arte masaccesca. Tra questi, quella...

Leggi tutto...

Scacco all’Arte / La pittura fiamminga

Allo straordinario rinnovamento artistico operato nella Firenze del primo Quattrocento, si affianca la singolare esperienza della pittura fiamminga, maturata nel XV secolo nelle Fiandre, ovvero negli antichi Paesi Bassi. Anche in questo caso la fioritura artistica trova un riscontro nella notevole prosperità economica del territorio. Inoltre, i frequenti scambi commerciali tra le principali città fiamminghe e Firenze consentono un importante confronto culturale. Anche la pittura fiamminga, come la fiorentina, propone  una visione naturalistica della realtà ed entrambe si distinguono dalla cultura tardogotica del tempo, che continua a prevalere nelle grandi corte europee . Tuttavia, pur rivelando notevoli affinità tra...

Leggi tutto...

Scacco all’Arte / Masaccio

“Fu Masaccio optimo imitatore di natura“ (Cristoforo Landino) Tommaso di ser Giovanni Cassai, detto Masaccio, nasce a Valdarno nel 1401; nella sua breve ma intensa esistenza assume il ruolo di fondatore della pittura rinascimentale, ponendosi come uno dei più geniali interpreti dell’arte giottesca. Muore per motivi non noti nel 1428, ad appena 27 anni, prima di poter raccogliere i frutti del suo percorso innovativo; tuttavia, l’eco del potente linguaggio masaccesco sarà forte ed eserciterà una grande influenza sugli esiti artistici del XV secolo. Poche e frammentate le notizie biografiche sulla formazione nella natia Valdarno, che lascia per approdare, giovanissimo,...

Leggi tutto...

Scacco all’Arte / Donatello

  “Et ebbono l’opere sue tanta grazia, disegno e bontà…“ (G. Vasari, da Le vite) Donato di Niccolò di Betto Bardi, soprannominato Donatello, nasce nel 1386 a  Firenze, dove compie la sua formazione artistica, che in breve tempo lo pone come l’iniziatore della scultura rinascimentale. Di umili origini, grazie al suo talento raggiunge una posizione sociale invidiabile diventando l’artista prediletto di Cosimo il Vecchio e una figura centrale nel panorama culturale del Quattrocento italiano. Apprezzato già dai contemporanei come  un grande e geniale innovatore, oltre alla natia Firenze, ha modo di lavorare anche in altre città dell’Italia centro-settentrionale, mentre...

Leggi tutto...